Ambiente

A Succivo tornano i contadini negli Orti sociali al Casale di Teverolaccio

single image

Chi ama la terra si preoccupa quando non può curarla e le misure di contenimento Coronavirus avevano fatto temere per la ‘vita’ degli Orti sociali. Il chiarimento per le attività agricole ha fatto tornare i contadini anche al Casale di Teverolaccio.

La coltivazione e la cura degli orti e la tutela degli animali da cortile, sono attività consentite. Lo ha chiarito il governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca precisando l’ordinanza del 12 aprile che aveva generato non pochi dubbi e lamentele. “Tenuto conto che le attività agricole non risultano vietate dalle disposizioni statali vigenti e che le attività di cura degli orti e poderi, anche per autoproduzione, e degli animali da cortile sono finalizzate a scongiurarne il deperimento e pertanto necessitate, gli spostamenti finalizzati a dette attività risultano consentiti sul territorio regionale”, ha scritto De Luca.

Gli spostamenti dovranno farsi nel rispetto del distanziamento sociale e dunque in forma individuale salvo che si tratti di soggetti appartenenti al medesimo nucleo familiare convivente. Grazie a queste ultime specificazioni sono ripresi anche gli Orti sociali del Casale del Teverolaccio a Succivo. Diciotto orti sociali destinati con il progetto Terra Felix ad anziani pensionati di Succivo che, attraverso pratiche di agricoltura Biologica, coltivano e producono specialità tipiche locali. I contadini collaborano alla realizzazione di laboratori didattici con le scuole al fine di tramandare alle nuove generazioni le pratiche agricole tradizionali. Un posto incantato riqualificato da Legambiente Geofilos.

You may like