Cronaca

Casal di Principe, lettera aperta di Natale: “Siate prudenti non è uno scherzo “

single image

Il sindaco di Casal di Principe scrive ai suoi concittadini per raccomandare prudenza.  Risultata positiva anche la moglie di Renato Natale.

“Cari amici, vengo a sapere in queste ore di altri casi positivi a Casal di Principe; i dati precisi ve li darà il vicesindaco sulla base delle comunicazioni ufficiali dell’asl, qui a me interessa segnalarvi la pericolosità dela situazione e lo faccio dal letto di ospedale dove mi trovo ricoverato proprio per il coronavirus e dopo aver saputo che anche mia moglie è positiva. Abbiamo fatto sempre attenzione, ma sarò stato disattento anche solo una volta e mi sono preso l’infezione, e l’ho portata a mia moglie”. È una lettera aperta ai casalesi quella che scrive Renato Natale, sindaco di Casal di Principe per raccomandare di rispettare tutte le disposizioni anticovid. È in ospedale a Milano dopo essere risultato positivo al Coronavirus ed i suoi consigli suonano in maniera diversa. Le raccomandazioni di Natale non sono mai mancate fin dai primi giorni ma ora il sindaco sta affrontando il contagio in prima persona e questo non si può evitare di tenerlo in conto.

“Non è una bella esperienza. Ai tanti che ancora insistono a non mettere la mascherina, che continuano ad avere comportamenti sbagliati, dico ma ne vale la pena? Non costa nulla andare in giro con mascherina, e lavarsi le mani, non costa nulla evitare un abbraccio o una stretta di mano o una chiacchierata senza protezione. Basta poco per ritrovarsi in un tunnel buio da cui poi può essere difficile uscire. Ve lo dico dall’ alto della mia esperienza, siate prudenti”, dice il sindaco Natale riferendosi ai comportamenti di tanti giovani ed adulti che ancora non hanno capito l’importanza delle misure di sicurezza. L’obiettivo è evitare il diffondere del virus e arginarlo in fretta. Il sindaco ha assicurato che continua a seguire tutta la gestione amministrativa del Comune fidandosi comunque del lavoro di assessori e consiglieri. Tina Cioffo

 

You may like