Cronaca

Il contrabbando di carburante è il nuovo business del clan dei Casalesi

single image

Il contrabbando di carburante come nuovo business della camorra dei Casalesi.

Il contrabbando di carburante è il nuovo business del clan dei Casalesi. E’ quanto emerge da un recente   rapporto della Guardia di Finanza sulle mafie. In base ad attività investigative, nel corso di operazioni di sequestri preventivi di beni effettuati dalle Fiamme Gialle (oltre un milione e mezzo di euro solo nel 2018)  alla camorra,  salta fuori che il nuovo affare criminale  dei  clan campani che frutta soldi ‘facili’,  oltre alla droga e al  gioco illegale è il gasolio di contrabbando. Dalla Polonia arriverebbero carichi di carburante illegale che seguono varie rotte per giungere in Italia.  Un’economia parallela che nasconde nomi di società di comodo per favorire i traffici illeciti del clan dei Casalesi.

Sequestri già nel Brennero

Alcuni mesi fa i militari della Finanza sequestrarono al confine col Brennero oltre 55mila litri di gasolio ed un altro importante quantitativo a Castel Volturno. Provenivano dalla Germania attraverso il territorio polacco. In particolare, nel territorio casertano, oltre  al rinvenimento di circa 90mila litri di olio lubrificante per auto, è  stata scoperta e sequestrata una fabbrica abusiva di imbottigliamento  dell’olio che sarebbe finito nei motori di innumerevoli auto.

You may like