Politica

Coronavirus, aziende edili scaricano la crisi sui lavoratori

single image

Coronavirus, aziende edili scaricano crisi sui lavoratori che vivono in estrema difficoltà l’emergenza e le restrizioni

“Molte aziende edili campane, dopo aver bloccato i cantieri, stanno scaricando il peso della crisi sui lavoratori, rifiutandosi di anticipare il trattamento di cassa integrazione che poi potrebbero tranquillamente recuperare, mostrando così mancanza di sensibilità e scarso senso di responsabilità e solidarietà”. È quanto denuncia il segretario generale campano della Fillea-Cgil, categoria degli edili, Vincenzo Maio.

“Nonostante la grande disponibilità dello Stato che ha previsto il ricorso alla cassa integrazione ordinaria anche per aziende che normalmente non ne avrebbero diritto – spiega Maio – e nonostante le aziende siano state liberate da tasse e contributi, nel settore edile molte imprese stanno assumendo un comportamento pilatesco, sostenute in questa condotta dalle associazioni datoriali e da sindacalisti poco attenti. Hanno mandato a casa i lavoratori, tutte chiedono la cassa integrazione ordinaria (Cigo) ma nessuno anticipa il trattamento, sebbene sanno che possono recuperarlo dall’Inps, mettendo così in grave difficoltà i dipendenti, che devono stare a casa ma non hanno soldi neanche per fare la spesa”. A marzo prenderanno anche stipendi ridotti, visto che si è lavorato pochi giorni. “Addirittura – prosegue Maio – c’è chi ha licenziato i lavoratori, nonostante il decreto del Governo sospenda esplicitamente i licenziamenti, dicendo loro che non poteva pagarli”.

 

You may like