Cronaca

Matteo Salvini a Cava Tirreni, tensioni tra polizia e manifestanti

single image

Oltre 200 contestatori in piazza, lancio di oggetti a polizia. Ci sono stati momenti di tensione e una carica di alleggerimento della polizia per arginare i manifestanti anti-Salvini oggi n Piazza Duomo a Cava de’ Tirreni (Salerno) dove il leader della Lega ha incontrato sostenitori e simpatizzanti nell’ambito del tour che sta effettuando nel Salernitano.

Tra le oltre 600 persone presenti, infatti, vi erano anche circa 200 manifestanti che hanno contestato Matteo Salvini, accompagnato da Stefano Caldoro candidato alla presidenza della Regione Campania.”La Campania non si Lega. Il Sud non dimentica le offese”. È lo striscione con cui un gruppo di contestatori ha accolto Matteo Salvini al suo arrivo in piazza Malta a Salerno dove il segretario federale della Lega ha partecipato all’inaugurazione della sede del partito. “Salerno non si Lega”, “Torna in Padania” e il coro “Buffone, buffone” le frasi rivolte dai contestatori al leader leghista che ha comunque concesso selfie ai sostenitori che lo hanno atteso dinanzi all’ingresso del palazzo che ospita la sede. All’uscita Salvini ha risposto alle offese lanciando con la mano baci all’indirizzo dei contestatori prima di salire in macchina per raggiungere la tappa successiva del suo tour. Al termine dell’inaugurazione della sede, invece, rivolgendosi a Stefano Caldoro aveva ironicamente detto: “Ora Stefano andrà a parlare con quelli là con lo striscione rosso per convincerli”.  Ad un tratto si è resa necessaria anche una carica di alleggerimento da parte delle forze dell’ordine per evitare che i contestatori si avvicinassero ulteriormente al palco. Durante i disordini – durati una decina di minuti – sono stati lanciati anche oggetti all’indirizzo dei poliziotti. Gli agenti hanno già identificato una decina di persone ma proseguono gli accertamenti.

“È incredibile come siano stati buttati via milioni di euro di denaro pubblico. È incredibile l’arroganza di chi ritiene che un ospedale pubblico sia casa loro perché il direttore generale molto gentilmente ci ha detto ‘voi qui non entrate'”, ha detto  Salvini, al termine della sua visita al Covid Center realizzato all’ospedale di Salerno.
“È suolo pubblico, ospedale pubblico, soldi pubblici, università pubblica- ha spiegato- noi siamo andati senza la sua sgradevole compagnia a documentare come sono stati buttati via milioni di euro dei contribuenti campani. La differenza con l’ospedale da campo costruito a Milano è totale, perché di là sono tutti soldi privati, con la struttura inaugurata che ha ospitato medici, infermieri e pazienti. Questi sono soldi pubblici per una struttura mai inaugurata che non ha mai visto un medico, un infermiere, un paziente”.
“Giudicate voi il modello De Luca- ha concluso- Spero che qualche Procura indaghi su come sono stati spesi questi soldi. Dio non voglia, l’Italia non rinchiuderà, ma lì c’è scritto Covid center con la recinzione di ferro e i mattoni sotto”.

You may like