Cronaca

Terrorizzavano le coppiette, banda sgominata: arrestato 21enne, tre complici in fuga

single image

Un uomo albanese di 21 anni è stato arrestato, fa parte dei componenti della banda che in queste settimana ha rapinato coppiette nell’agro aversano.




Dovrà rispondere dei reati di rapina in concorso e resistenza a pubblico ufficiale il 21enne albanese, L. S., incensurato e senza fissa dimora, arrestato la scorsa notte in flagranza di reato dai carabinieri della stazione di Trentola-Ducenta, in collaborazione con i colleghi delle stazioni di Lusciano e Frignano.

I militari porprio in questi giorni stavano effettuando dei servizi di appostamento nelle zone maggiormente frequentati dalle coppiete. I carabinieri hanno individuato la banda mentre si apprestava ad entrare di nuovo in azione nei pressi del compo sportivo di Trentola Ducenta. Proprio in quest’area hanno notato una Jeep Renegade con all’interno quattro persone che si aggirava nei pressi dello stadio. Così l’hanno seguita e sono entranti in azione proprio mentre il commando stava per portare a termine un’altra rapina.

I rapinatori, alla vista dei militari, si sono dati alla fuga, prontamente incalzati dalla pattuglia. Al termine di un breve inseguimento i quattro malviventi hanno abbandonato il veicolo ed hanno cercato di far perdere le proprie tracce a piedi. Uno di loro però è stato prontamente bloccato ed arrestato. Il giovanissimo rapinatore è accusato di aver commesso, poco prima dell’arresto, una rapina ai danni di un’altra coppia appartata vicino al cimitero di San Marcellino. Le vittime, che si trovavano in auto, sono state aggredite da quattro soggetti, armati di coltello e mazze. Dopo aver infranto i cristalli della vettura, i rapinatori hanno malmenato la coppia e si sono impossessati di tutti gli oggetti di valore. Il 21enne, arrestato dai carabinieri, che aveva agito con il volto solo parzialmente coperto, è stato riconosciuto dalla coppia aggredita. Le indagini proseguono per collegare l’arrestato ad altri episodi simili commessi nell’ultimo mese con lo stesso modus operandi e per individuare i tre complici sfuggiti alla cattura. Il 21enne è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Sottoposti a sequestro l’autovettura utilizzata dai malviventi, risultata provento di un furto commesso alcuni giorni fa nel casertano, ed oggetti rinvenuti all’interno dell’abitacolo, tra cui mazze ed indumenti.

You may like