Cronaca

Nasce il primo Consultorio per assistere trans e lgbt

single image

Nasce a Portici nel Napoletano il primo Consultorio InConTra che si occuperà  di: accoglienza e sostegno psicosociale delle persone Trans e con identità  non binarie (TINB) grazie alla collaborazione tra l’Asl Napoli 3 Sud, il Centro Ateneo SinASPSI dell’Università  Federico II di Napoli.

Un consultorio pubblico, che proprio in questo momento dove episodi violenti di non accettazione di persone di generi diversi ha creato lutti e grandi disagi, rappresenta una novità assoluta. La morte di Maria Paola Gaglione a Caivano è ancora molto recente.   La sua relazione con Ciro Migliore osteggiata dalla famiglia è stato un campanello d’allarme troppo acuto per essere già dimenticato.
Il Consultorio InConTra si interesserà  di formazione di comparti professionali sulle questioni connesse al genere, la sensibilizzazione del territorio sulla lotta ai pregiudizi e contrasto alla transfobia. Nello specifico si interesserà di: accompagnare le persone nell’iter di transizione. Accoglienza delle persone TINB che, dopo un percorso medico, legale e chirurgico, sentiranno la necessità  di avere un supporto psicologico. Accoglierà  i nuclei di familiari (partner, genitori, fratelli e/o sorelle, figli) e di altri che potranno richiedere supporto per sostenere la persona TINB nel processo di affermazione identitaria.

Ci sarà  l’accoglienza delle persone TINB ed eventuali partner su questioni legate all’ambito della sessualità . Si formeranno gruppi di incontro e di ascolto per persone TINB su tematiche relative al genere, organizzati secondo fasce di età  (adolescenti, giovani adulti, adulti). Gruppi di incontro e di ascolto per familiari di persone TINB. Giornate di prevenzione: infezioni sessualmente trasmissibili (IST), screening andrologico, screening ginecologico, screening senologico. Giornate di educazione alla sessualità  non binaria.
Il consultorio si avvale della professionalità  di due psicologhe psicoterapeute e di una operatrice alla pari, impegnate da tempo nell’ambito delle questioni relative al genere e ai processi di ‘depatologizzazione’ e nella costruzione di reti di supporto territoriali per le persone TINB. Tina Cioffo

You may like