Giugno come Pride Month: perché è stato scelto questo mese?

È stata la comunità LGBTQIA+ a scegliere giugno come Pride Month, perché avvennero gli avvenimento che portarono alla nascita dei loro diritti

Le celebrazioni del Pride Month, documentate ampiamente dai media italiani e internazionali, sono eventi festosi che riempiono le strade di colori e musica, trasmettendo un senso di libertà e orgoglio per la propria individualità.

Purtroppo, la rappresentazione spesso superficiale dei media che tende a mostrare gli aspetti più trasgressivi delle parate, non evidenzia adeguatamente il significato storico, politico e sociale di queste manifestazioni: il ricordo dei moti di Stonewall del 1969.

Giugno Pride Month: ecco perché

Il movimento organizzato per i diritti LGBTQ negli Stati Uniti risale almeno al 1924, con la fondazione della Società per i Diritti Umani a Chicago da parte di Henry Gerber.

Nel 1969, lo Stonewall Inn era l’unico locale gay di New York. In un’epoca in cui ballare con una persona dello stesso sesso era illegale e motivo di arresto, questo locale del Greenwich Village era l’unico rifugio sicuro per la comunità gay di New York. Negli anni Sessanta, le retate della polizia erano frequenti e lo Stonewall ne era spesso vittima.

Questi erano anche gli anni delle proteste del ‘68, della crescita del movimento anti-autoritario e del Black Power, un periodo in cui si rafforzava l’idea che anche le minoranze dovessero vedere riconosciuta la propria dignità.

Giugno Pride Month: perché è stato scelto questo mese?
Giugno Pride Month: perché è stato scelto questo mese? – Wikimedia Commons @Skillful654321 – Ireporters.it

 

Così, nella notte tra il 27 e il 28 giugno 1969, quando la polizia irruppe violentemente allo Stonewall, la folla dentro e fuori il locale reagì con forza per difendere i diritti e la libertà della comunità.

Fuori, la folla che osservava gli avventori del bar venire caricati sui furgoni della polizia si infuriò. In passato, i testimoni delle molestie della polizia contro la comunità LGBTQ erano rimasti passivi, ma questa volta la folla derise la polizia e lanciò monete, bottiglie e altri oggetti, costringendo gli agenti a barricarsi nel bar in attesa di rinforzi.

In breve tempo, circa 400 persone si ribellarono. Sebbene i rinforzi della polizia disperdessero la folla, le rivolte continuarono fuori dal bar per i successivi cinque giorni. Queste rivolte di Stonewall fornirono la scintilla che accese il movimento per i diritti LGBTQ negli Stati Uniti.

Sui muri dello Stonewall, ormai simbolo della lotta della comunità, comparvero graffiti come “Hanno violato i nostri diritti”, “Sostenete il potere dei gay”, “Legalizzate i bar gay” e “Potere alle drag queen!”.

I moti del giugno del ’69 sono ancora oggi simbolo del sentimento di ribellione nei confronti di ingiustizie e difficoltà che le persone non dovrebbero mai vivere.

Nei quattro anni precedenti le rivolte di Stonewall, gli attivisti di Filadelfia avevano organizzato proteste annuali fuori dall’Independence Hall il 4 luglio, chiamate “promemoria annuali”, per sottolineare che a gay e lesbiche venivano negati i diritti fondamentali di cittadinanza.

Queste manifestazioni erano strettamente regolamentate: agli uomini era richiesto di indossare abiti da lavoro, alle donne di portare gonne e camicette, e le manifestazioni pubbliche di affetto erano vietate.

Durante la Conferenza regionale orientale delle organizzazioni omofile, tenutasi a Filadelfia il 2 novembre 1969, venne proposta l’idea di una marcia in risposta agli eventi di Stonewall. Prevista per il 28 giugno 1970, primo anniversario delle rivolte di Stonewall, la processione prese il nome di Christopher Street Liberation Day, dal nome della strada epicentro della comunità LGBTQ di New York, dove la marcia avrebbe avuto inizio.

Sebbene “potere gay” fosse stato proposto come slogan per la marcia, si ritenne che il movimento non avesse ancora ottenuto un potere politico significativo, ma che i suoi membri fossero molto orgogliosi della propria identità sessuale.

Pertanto, fu deciso che il tema della marcia sarebbe stato il “gay pride”. Le fonti differiscono sul numero esatto di partecipanti – le stime variano da 1.000 a 20.000 – ma tutti concordano che all’inizio c’erano solo poche centinaia di manifestanti.

Tuttavia, quando la marcia terminò, 51 isolati più a nord, nello Sheep Meadow di Central Park, il numero dei partecipanti era aumentato notevolmente, con molte persone che si unirono lungo il percorso in segno di solidarietà, cantando slogan come “Dillo chiaro, dillo forte. Il gay è buono, il gay è orgoglioso”.

Il giorno prima della marcia del Pride a New York City, circa 150 persone a Chicago avevano concluso un evento di una settimana con la prima marcia del paese per commemorare Stonewall.

Il giorno della marcia di New York, sull’Hollywood Boulevard a Los Angeles è stata organizzata “la prima parata autorizzata al mondo in difesa dei diritti dei gay” e si è tenuto un “Gay In” al Golden Gate Park di San Francisco.

Da quel momento, il Gay Pride, o LGBTQ Pride, è stato generalmente celebrato negli Stati Uniti l’ultima domenica di giugno, anche se ci sono state molte eccezioni.

Le marce inizialmente serie si sono trasformate in festeggiamenti gioiosi e la giornata si è ampliata fino a diventare un evento di un mese. Il governo degli Stati Uniti ha ufficialmente riconosciuto il Pride quando il presidente Bill Clinton ha dichiarato giugno 1999 “mese dell’orgoglio gay e lesbico”.

Successivamente, il presidente Barack Obama ha proclamato giugno “mese dell’orgoglio LGBT” e il presidente Joe Biden ha esteso l’osservanza a “mese dell’orgoglio lesbico, gay, bisessuale, transgender e queer (LGBTQ+)”.  In altre parti del mondo, il Pride viene celebrato in vari periodi dell’anno, anche se molte città lo osservano a giugno.

È fondamentale tenere presenti queste premesse quando si osserva il Pride, specialmente considerando la rappresentazione mediatica attuale. Fabrizio Quattrini sottolinea l’importanza di ricordare l’eredità delle rivolte di Stonewall e suggerisce che per comprenderne davvero il significato, ognuno dovrebbe partecipare a una manifestazione o marcia LGBTQ+.

“Dall’interno, ci si rende conto che il Pride è composto da molte persone, non solo da quelle che vogliono provocare, ma anche da individui comuni che lavorano e vivono come tutti, con famiglie che potrebbero non essere riconosciute legalmente. – racconta Quattrini – Pertanto, il Pride è benvenuto se può portare a cambiamenti nei diritti delle persone. Ancora oggi, il Pride offre a molte persone l’opportunità di esprimersi, specialmente a coloro che provengono da piccoli centri dove non possono rappresentare se stessi per paura del giudizio altrui. Una manifestazione come il Pride, organizzata in un grande centro, può aiutare queste persone a definire meglio la propria identità personale e sessuale. All’interno del Pride, ci sono ancora tantissime persone che finalmente riescono a fare coming out”

Continuare a manifestare con il Pride significa lottare per i diritti, perché il termine stesso lo indica. Non si parla più di Gay Pride, ma di essere orgogliosi di essere individui, indipendentemente dai propri colori, orientamenti e caratteristiche personali.

Impostazioni privacy