Sigarette del contrabbando pronte a finire sul mercato nero: scatta il sequestro

Contrabbando di sigarette a Caserta, la Guardia di Finanza ha scoperto il traffico illecito arrestando un cittadino ucraino.

Contrabbando di sigarette nel casertano

La Guardia di Finanza di Caserta ha arrestato un cittadino ucraino di 53 anni per contrabbando di sigarette. L’uomo trasportava un carico di mille stecche per un valore di 80mila euro. Il tutto veniva trasportato in un’automobile di grossa cilindrata al casello di Napoli Nord dell’autostrada A1, il tutto era coperto da un grosso telone nero. il tabacco, è emerso, era destinato al mercato campano e privo del contrassegno di Stato, riportava i marchi di noti gruppi, e si trattava in gran parte di sigarette cosiddette “cheap white”, ovvero di tabacchi originali recanti marchi registrati nei rispettivi Paesi di produzione (Russia, Emirati Arabi Uniti, Cina e Ucraina), che non possono, tuttavia, essere venduti in Italia o all’interno dell’Unione Europea, in quanto non conformi ai parametri minimi di sicurezza previsti dalla normativa comunitaria.

Impostazioni privacy