Arriva una patrimoniale europea, chi rischia con la nuova tassa

Nuova patrimoniale in arrivo per i cittadini dell’Unione Europea. Chi rischia di pagare la nuova tassa: chi sono i lavoratori a rischio. 

La tassa patrimoniale è quella imposta che viene applicata sul valore complessivo dei patrimoni di persone fisiche o giuridiche. Si tratta di un’imposta che incide direttamente sulla ricchezza posseduta da un individuo o da un’entità e può essere calcolata in base al valore di vari tipi di attività, come immobili, beni mobili, investimenti finanziari, conti bancari e altri beni di valore. Questo tipo di imposta ha come obiettivo quello di ridistribuire la ricchezza all’interno di una società.

arriva patrimoniale europea chi rischia nuova tassa
Arriva una nuova tassa patrimoniale europea iReporters.it

In questa maniera, sfruttando la tassa è possibile ridurre le diseguaglianze economiche e contribuire al finanziamento di servizi pubblici e programmi sociali. Inoltre può essere utilizzata come strumento di controllo del patrimonio privato e come fonte di entrate per il bilancio dello Stato. L’implementazione di una tassa patrimoniale è spesso oggetto di dibattito politico ed economico. Adesso sicuramente fa discutere l’implementazione di una nuova patrimoniale europea, con diversi cittadini che rischiano di pagarla.

Patrimoniale europea, chi rischia di pagarla: tutto sulla nuova tassa

Con l’incremento delle spese e la necessità di reperire ulteriori risorse economiche, si sta discutendo all’interno dell’Unione europea l’introduzione di una tassa sull’1% dei patrimoni più ricchi del continente. Questa proposta, avanzata da esperti come Thomas Piketty e Paul Magnette, mira a sostenere finanziariamente le politiche di transizione ambientale, sociale e di cooperazione allo sviluppo dell’Unione.

arriva patrimoniale europea chi rischia nuova tassa
Chi è a rischio con la nuova patrimoniale europea – iReporters.it

La proposta ha ottenuto il consenso di alcuni paesi comunitari tra cui Spagna, Francia e Germania, ma ha trovato opposizione in altri Stati come l’Italia. Attualmente la petizione ha raccolto circa 200.000 firme, ma ne servono 1 milione per essere presa in considerazione. L’introduzione di questa tassa potrebbe portare all’Unione europea una somma considerevole, stimata intorno ai 286,5 miliardi di euro all’anno, raddoppiando le disponibilità economiche dell’Unione.

Se l’ipotesi della patrimoniale non dovesse essere accolta, ci sono altre due opzioni alternative che l’Unione europea potrebbe valutare. Una di queste segue il modello spagnolo, con l’introduzione di una tassa del 3,5% sui patrimoni superiori a 3,7 milioni di euro. L’altra opzione consiste nell’istituire una tassa globale sul patrimonio pari al 2%. Quindi l’introduzione di una tassa sui patrimoni più ricchi del continente rappresenterebbe un tentativo di raccogliere risorse aggiuntive per sostenere le politiche comunitarie, ma resta ancora in discussione e soggetta a varie opinioni e negoziazioni tra i vari Stati membri dell’Unione Europea.

Impostazioni privacy