Desecretazione archivi: Falcone su omicidio Piersanti Mattarella, ipotesi terrorismo nero

Desecretazione archivi: Falcone su omicidio Piersanti Mattarella, ipotesi terrorismo nero

La Commissione parlamentare Antimafia, guidata dal presidente Nicola Morra, prosegue nel delicato e complesso lavoro di desecretazione, rendendo pubblica l’audizione di Giovanni Falcone con il resoconto stenografico (estratto) missione a Palermo del 3 novembre 1988 in Commissione Antimafia X Legislatura.

Ipotesi terrorismo nero nell’omicidio di Piersanti Mattarella

Falcone risponde anche a domande in merito all’omicidio di Piersanti Mattarella: come si ricava dalla lettura del documento, oggi pubblicato per la prima volta, Giovanni Falcone definisce l’indagine “estremamente complessa”, dal momento che “si tratta di capire se e in quale misura la pista nera sia alternativa rispetto a quella mafiosa, oppure si compenetri con quella mafiosa. Il che potrebbe significare altre saldature e soprattutto la necessità di rifare la storia di certe vicende del nostro paese, anche da tempi assai lontani”. Falcone ancora ammonisce, trattandosi di una “materia incandescente”, sulla necessità di non “gestire burocraticamente questo processo”. “Continueremo a lavorare e colgo l’occasione per ringraziare oltre che tutti i commissari, i magistrati, i funzionari e i militari della Guardia di Finanza dell’archivio che hanno lavorato con totale abnegazione”, ha commentato Nicola Morra presidente commissione Antimafia.

Di seguito il link per consultare il documento
Impostazioni privacy